Parere congiunto per trattamento e rimozione dati sul Metaverso

9 Agosto 2022

Parere congiunto per trattamento e rimozione dati sul Metaverso

Lo scorso maggio, lo European Data Protection Supervisor (EDPS) e lo European Data Protection Board (EDPB) si sono espresse in merito al Data Act e, in particolare, sulla rimozione dei dati sul Metaverso.

Ma cos’è il Metaverso.

Il Metaverso

Facebook ha cambiato il proprio nome in Meta con lo scopo di rendere l’idea del nuovo modo in cui si interagisce. Invero, per Metaverso si intende la modalità con cui le persone si interconnettono. Pur essendo persone fisiche, ad oggi, si interagisce con avatar o, comunque, virtualmente.

Non vi è ad oggi una chiara definizione di Metaverso, tuttavia esso rappresenta l’idea di un mondo virtuale.

Il parere

L’attenzione delle due autorità è posta soprattutto in relazione alla portabilità dei dati. Chiare sono a riguardo le parole dell’attuale Garante europeo per la protezione dei dati, Wojciech Wiewiórowski, secondo il quale “le nuove tecnologie garantiscono la condivisione dei dati e anche, e forse soprattutto, la loro utilizzabilità e portabilità, tanto più dobbiamo garantire che il quadro europeo della protezione dei dati debba restare intatto e, caso mai, essere ulteriormente rafforzato”.

A tal proposito, EDPB e EDPS auspicano limiti e controlli all’uso di dati creati da un prodotto o da un servizio. Questo al fine di tutelare la privacy, la vita privata e la riservatezza dei soggetti che utilizzano tali servizi.

A preoccupare maggiormente le autorità europee è il Metaverso.

In particolare, il rischio è che i dati prodotti e diffusi in tali realtà virtuali possano essere riutilizzati, con il pericolo di diffusione di informazioni personali delle persone che utilizzano tali ambienti.

Ancora, le richieste di EDPB e EDPS non si limitano a questo, ma riguardano anche una maggiore attenzione alla definizione e riaffermazione del principio, sancito dal GDPR, per il quale “ogni uso di dati (e quindi anche il riuso) deve fondarsi su basi giuridiche chiare, accessibili e prevedibili, che definiscano la portata e le modalità di esercizio dei poteri da parte delle Autorità competenti in un quadro di garanzie adeguate a proteggere gli interessati”.

Infine, il parere esprime la necessità di prevedere e garantire una tutela giurisdizionale adeguata. Dunque, un controllo e una vigilanza efficace da parte delle autorità competenti si ritiene fondamentale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: